Origini e storia - Coro Alpino Rivoli

Membro dell'Associazione Cori Piemontesi e FENIARCO
Anno di Fondazione 1965

Io non canto perché sono felice. Sono contento perché canto (W. James)Là dove senti cantare, fermati. Gli uomini malvagi non hanno canzoni (L.S. Sengher)La musica aiuta a non sentire dentro il silenzio che c'è fuori (J.S. Bach)Il segreto del canto risiede tra la vibrazione della voce di chi canta e il battito del cuore di chi ascolta (K. Gibran)

Ultimo aggiornamento: 18/09/2019
Vai ai contenuti

Menu principale:

Origini e storia

IERI
Il CORO ALPINO RIVOLI è nato nella tarda primavera del 1965 per iniziativa di alcuni Alpini in congedo guidati dal Maestro Mario Chiantore, figura di primo piano sulla scena rivolese  per i suoi trascorsi di partigiano e Vice-sindaco, subito dopo la Liberazione. Classe 1903,  riuscì a formare un piccolo coro composto da 12 elementi. Due di loro fanno ancora parte attiva nel Coro: Amedeo Meotto e Piero Lucco Bossù che recentemente, il 20 Ottobre 2016, è stato eletto Presidente. Il Maestro Mario Chiantore seppe subito trasmettere ai suoi coristi la passione per il canto, come espressione spontanea della cultura popolare.  Affiancarono il Maestro fondatore alcuni rivolesi "doc" quali Elio Vincon detto "barba", Rocci Silvestro, Mario Castelletti, Battista Cattaneo e Carlo Durbiano. Nel corso della sua storia il Coro  ha dovuto cambiare più volte sede passando da una saletta al primo piano del bar Corona Grossa in piazza San Rocco, ad un saloncino presso la Cooperativa Vinicola di via Roma, per trasferirsi in una saletta decentrata della Bocciofila, detta dei "brindur" dall'evidente tendenza dei suoi avventori.  Finalmente il Comune mette a disposizione  un accogliente locale in una palazzina nel parco del Centro Salvemini, in corso Susa ma anche questa sede, che doveva essere definitiva, diventa temporanea.     Il Comune offre una sede provvisoria dapprima presso la scuola Gozzano, in via F.lli Bandiera ed infine, dal 2014, presso l'ex plesso scolastico Primo Levi di via Allende, dove trovano sede molte attività culturali  e rappresentative d'arma rivolesi.
L'originale espressione musicale si trasforma nel tempo in attività socializzante e con questo spirito  il Coro è andato via via  crescendo fino a formare il nutrito gruppo di 32 elementi dei quali si compone tuttora, ma va ricordato che dalla fondazione ad oggi si sono succeduti oltre 100 coristi.
Il repertorio offerto comprende alcune belle espressioni popolari piemontesi, tanti intramontabili canti di montagna, della resistenza, del lavoro, per non parlare dei canti a vocazione religiosa e natalizia.
L'attività, inizialmente limitata al territorio di origine, si è intensificata nel corso degli anni portando a rappresentare la Città di Rivoli nel quadro degli scambi culturali legati ai gemellaggi con la città francese di Montelimar (1979), spagnola catalana di Mollet del Vallès, rimasta indimenticabile per l'imbarazzante esecuzione dell'inno spagnolo, per nulla gradito ai separatisti catalani. Della trasferta Jugoslava di Kranj (1976) non rimane alcuna traccia scritta nè fotografica.   Oltre a numerosi interventi in Piemonte e Lombardia, è rilevante l'impegno profuso nel 1979 per organizzare la 1° Rassegna dei Cori Piemontesi, promossa dall'Assessorato al Turismo della Città di Rivoli con il patrocinio della Regione Piemonte, dove ben 32  Gruppi Corali Piemontesi,  hanno dato vita per cinque sabati consecutivi ad applauditi concerti. Per molti anni  il coro è stato protagonista della manifestazione del Colle del Lys in Valle Susa dove ogni anno si commemorano 2.000 caduti partigiani di ogni nazionalità.  Nell'ambito dell'attività corale meritano un doveroso cenno le esibizioni organizzate per raccogliere fondi a favore delle popolazioni del Friuli e dell'Irpinia quando furono colpite dal terremoto.
Alla guida del Coro Alpino Rivoli si sono succeduti 4 Maestri. Partendo dal fondatore Mario Chiantore, rimasto in carica dal 1965 al 1969 quando, per motivi di salute, deve lasciare l'incarico al suo allievo Delmo Stabellini  che guiderà il coro fino al 1980.   In quell'anno prende in carico il Coro il mitico Direttore Renato Peretti che lo guiderà con indiscutibile passione e competenza fino al 2013. Anche lui dovrà abdicare per motivi si salute ed il Coro, compiendo una coraggiosa e storica svolta, passa nelle mani dell'energica Maestra trentina Elisabetta Devigili Tramonte alla quale va il grande merito  di aver riarricchito il repertorio con nuovi e bellissimi brani, con il condiviso obiettivo di voler proseguire sulla via del rinnovamento, entusiasticamente condiviso da tutti i coristi.
Mario Chiantore
Delmo Stabellini
Renato Peretti
CORO ALPINO RIVOLI - via Salvador Allende, 3 - 10098 RIVOLI - C.F.: 95500440011
Torna ai contenuti | Torna al menu